Visita al Wat Phra Kaew, tempio più sacro in Thailandia: storia, orari, costi

Il Wat Phra Kaew, contenuto all’interno del complesso del Grande Palazzo Reale, ospita la statua più venerata di tutto il paese, il Buddha di Smeraldo. Scopriamo insieme perché una visita al tempio è imprescindibile durante un viaggio a Bangkok.

Continuiamo la nostra rassegna sui templi a Bangkok (altro luogo sacro imperdibile in città è il Wat Arun, il Tempio dell’Alba) occupandoci di quello che è considerato non a torto il tempio buddista più importante e sacro non solo della capitale, ma addirittura di tutta la Thailandia.

Questo suggestivo luogo pur trovandosi in centro città è un luogo lontano dal caos che contraddistingue le strade principali Bangkok: essendo all’interno di un enorme complesso si respira una pace rara da trovare nella metropoli thailandese.
Questo tempio non è rilevante solo dal punto di vista architettonico, che descriveremo più avanti, ma soprattutto sul piano spirituale, a prescindere dal proprio credo, dalle proprie idee e dalla propria religione.

La visita al Wat Phra Kaew durante un itinerario di Bangkok è da abbinare a quella del Grande Palazzo Reale: infatti il tempio è solo una delle parti (ed è all’interno) del Royal Grand Palace, ovvero una delle attrazioni principali della metropoli thailandese.
Approfondimento: guida alla visita del Grande Palazzo Reale

La storia del Wat Phra Kaew

Il Wat Phra Kaew ha una storia particolare e anche molto antica. Infatti venne progettato e costruito tra il 1782 e il 1784 insieme a tutto il complesso del Grande Palazzo Reale. In quegli anni il Re Rama aveva preso una decisione importante e cioè quella di spostare la capitale da Thonburi a Rattanakosin, la zona che corrisponde oggi al centro di Bangkok. Rattanakosin ha un significato particolare: la traduzione letterale è infatti la città del gioiello dove il gioiello è rappresentato dallo splendido Buddha di Smeraldo.

Il Wat Phra Kaew fu realizzato per una serie di motivi tra cui quello di conservare la sacra statua e di servire come cappella reale: la sua inaugurazione avvenne intorno al 1785 in concomitanza con quella del Grande Palazzo Reale. Esiste una leggenda intorno a questa statua che afferma per bocca del saggio Nagasena che il Buddha di Smeraldo avrebbe contribuito a portare abbondanza e prosperità al paese che lo avesse conservato e ospitato: questo è uno dei motivi principali della grande venerazione di tutti i thailandesi verso questa statua. Nel corso dei secoli e grazie a vari sovrani come Rama III, Rama V, Rama VII e l’attuale Rama IX,  il tempio è stato ristrutturato e ampliato tantissime volte.

L’architettura del Wat Phra Kaew

Il complesso architettonico del Wat Phra Kaew è situato all’interno del Grande palazzo Reale: per visitarlo è necessario pagare il biglietto d’ingresso al Grand Palace. Come abbiamo accennato prima il  Wat Phra Kaew comprende un centinaio di costruzioni che contengono sculture, pitture e architetture di origine buddhista (siam). Il principale tempio è il Phra Ubosot che ospita la statua più importante e sacra, cioè il Buddha di Smeraldo. Questo tempio colpisce per la sua eleganza costruttiva e spicca per il suo tetto, impreziosito da mattonelle colorate in arancione e verde.

I pilastri del Phra Ubosot sono intarsiati con mosaici bellissimi e frontoni scolpiti. All’ingresso del tempio sono presenti degli Yaksha, statue alte circa 5 metri, che mostrano il volto con un’espressione arcigna e si trovano appoggiati sulle loro spalle. L’attrazione principale è data però dalla presenza del Buddha di Smeraldo, una statua dalle dimensioni abbastanza contenute, che non superano gli 80 cm, ma dal forte impatto visivo e spirituale.  
La divinità, posizionata su un altare finemente decorato, appare seduta in posizione yoga su un trono in legno, che presenta un colore dorato e delle bellissime intarsiature. Questa splendida scultura è stata realizzata nel 15° secolo ed ha un forte valore politico e religioso per il popolo thailandese. Il Buddha di Smeraldo è una specie di talismano prezioso, che non può essere toccato da nessuno eccetto il re.

Tre volte all’anno, mediante una cerimonia, avviene la vestizione della statua, in corrispondenza delle stagioni principali che sono quella estiva, invernale e delle piogge. Durante l’estate Buddha indossa sulla testa una corona a punta d’oro che ha delle gemme preziose, mentre il resto del corpo è ricoperto di gioielli.  In inverno il vestito è una sorta di poncho ricoperto da maglie o perline d’oro. Nella stagione piovosa il Buddha indossa un copricapo in oro e zaffiri e un vestito drappeggiato su una spalla ornato con dettagli in oro.
Attorno a questo tempio sono presenti 12 padiglioni contenenti reperti religiosi che provengono da diverse regioni thailandese. Nel complesso si trovano inoltre tre pagode. Ad est vi è il Pantheon Reale, una costruzione in stile Khmer che presenta statue e immagini raffiguranti i sovrani della dinastia Chakri.
Al centro vi è il Phra Mondop, un edificio in stile tardo Ayutthaya, aperto sui fianchi, che conserva dei manoscritti sacri.  Ad ovest invece si trova il Phra Si Ratana Chedi, un monumento buddista dorato, che contiene le ceneri di Buddha. Sono disseminate in tutto il complesso architettonico delle statue di elefanti, simbolo di buon auspicio. 

Attorno al Mondop sono poi presenti statue che raffigurano i sovrani della dinastia Chakri, mentre lungo le mura perimetrali vi sono scene che rappresentano il Ramakien, ovvero una sorta di poema epico thailandese.

Visitare il Wat Phra Kaew a Bangkok: orari e dress code

Gli orari e i giorni di apertura del Wat Phra Kaew sono dalle 8.30 alle 15.30, tutti i giorni della settimana. I giorni e gli orari di apertura sono gli stessi del Grande Palazzo Reale.

Come vestirsi per visitare il Wat Phra Kaew? Per visitare questo complesso architettonico bisogna rispettare alcune regole importanti. Per prima cosa, non si può accedere al tempio con le scarpe, quindi occorre rimuoverle in segno di rispetto. Non si possono indossare pantaloncini corti, né minigonne o magliette troppo scollate o senza maniche. Nel caso non si avesse l’abbigliamento adatto per accedervi, all’ingresso sono comunque presenti abiti per coprirsi, che vi verranno prestati gratuitamente

Come arrivare al Wat Phra Kaew

Nonostante il Wat Phra Kaew, e in generale il Palazzo Reale, siano considerate alcune delle attrazioni imperdibili a Bangkok, non hanno fermate di metropolitana o di Sky Train nei paraggi. Questo non dovrebbe scoraggiarvi perché sia il Wat Pho che il Wat Arun, templi imperdibili in città, si trovano nelle vicinanze. Quindi, organizzate una giornata da queste parti e poi muovetevi a piedi.

Uno dei modi più facili per andare al Wat Phra Kaew è quello di prendete lo Sky Train (BTS) fino a Saphan Taksin e poi imbarcarsi su uno dei tanti battelli che navigano il Chao Praya. Fermatevi al molo Tra Chang e arriverete a piedi in cinque minuti.
L’alternativa sono i taxi e i tuk-tuk, più costosi e meno consigliati: girare a piedi per il centro di Bangkok è ciò che di meglio possa capitarvi durante una vacanza in Thailandia.
Questa è la posizione esatta del tempio: link.

Quanto costa entrare al Wat Phra Kaew

Il prezzo del biglietto per visitare questo tempio si aggira sui 500 bath (cambia spesso), costo che comprende l’intera visita al Grande Palazzo Reale. Circa 13 euro.
Troppo? Niente affatto, soldi ben spesi.

Per approfondire